Fermate dal maltempo a fine 2019 le Funivie Savona – Cairo possono ripartire con il decreto governativo per l’emergenza Corona virus. Nell’articolo 94 bis del decreto Cura Italia, approvato ieri 24 aprile 2020, sono infatti previsti i fondi che copriranno un anno di cassa integrazione per gli 80 dipendenti e 4 milioni per il ripristino dell’impianto funiviario danneggiato. Con le disposizioni del decreto potranno così partire i lavori di riattivazione, gestiti dal commissario nominato, il provveditore interregionale alle opere pubbliche per le regioni Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria. “Ringrazio tutti coloro che si sono adoperati per arrivare a questo risultato, istituzioni e parti sociali” ha commentato l’ad del Gruppo Italiana Coke, Paolo Cervetti. Il Gruppo, che gestisce attualmente l’impianto funiviario in concessione, evidenzia la necessità di pensare al futuro una volta completato il ripristino dell’impianto, di rilevanza strategica. C’è la disponibilità a proseguire temporaneamente la gestione fino al ripristino, ma dopo, poiché i servizi pubblici e ambientali hanno bisogno di un sostegno economico pubblico, serve un quadro di sostenibilità indipendentemente da chi ne sia il gestore. “Non è importante chi gestisce l’impianto ma che ne sia garantita l’operatività futura” ha sottolineato l’ad Cervetti.

Ufficio stampa gruppo Italiana Coke
stampa@gruppoitalianacoke.it